Il gruppo “Cerimonie Crudeli”
presenta il progetto
MITO E CONTAGIO: SCRITTURA-AZIONE
OMAGGIO AL FOTOGRAFO JOEL PETER WITKIN

Il progetto che sarà presentato nel corso dell’estate 2010, ha come elementi salienti l’interdisciplinarietà e il carattere itinerante. Il rapporto dinamico con i luoghi scelti, alcuni pubblici e altri privati, “minori” ma di eccellenza, è da riscoprire tramite le azioni performative adattate alla specifica diversità ambientale.

La scrittura-azione ruota intorno a quattro figure di donna: La Valchiria vecchia, La Bambola, Circe e L’Attrice. Un intreccio nel quale il significato reinterpretato del mito (La Valchiria Vecchia e Circe) contagia la genericità di due figure apparentemente impersonali (La Bambola e L’Attrice) venendone a sua volta contagiato in un gioco continuo di rimandi e visioni.
La Valchiria, divinità che portava i corpi degli eroi nel Vahalalla, nel mito rappresentava l’apoteosi della morte eroica. Il personaggio della Valchiria Vecchia ne ribalta il senso esaltando invece la pietas verso le vittime.
Circe, nella tradizione seduttrice e maga, viene riletta come figura perseguitata dalla violenza degli uomini-porci che hanno invaso la sua isola.
La Bambola: il simbolo del femminile passivo viene sovvertito nelle varianti più estreme: da quella di pezza alla gonfiabile, da quella di biscuit fino a Chucky la bambola assassina.
L’Attrice, che può interpretare qualsiasi personaggio, dimentica se stessa, e catturata dall’altro da sé si trasforma in un doppio: Eva contro Eva.

Particolari le modalità in cui questa scrittura poetica agisce con le altre arti divenendo interpretazione in qualità di: ricerca stilistica (abiti scultura), gestualità, corpo e voce (performance), musiche originali e video. Morgana Edizioni pubblicherà un libro d’artista in carta e stoffa a tiratura limitata che conterrà la scrittura poetica abbinata alle foto di Joel Peter Witkin oltre al percorso di messa a punto degli abiti-scultura e alle prove dello spettacolo documentate sia con la fotografia che con gli appunti e le riflessioni dei protagonisti.

L’omaggio alla ricerca artistica di Joel Peter Witkin, attraverso una installazione video della sua fotografia e dei disegni meno noti, si inserisce come seduzione visiva e osservazione sull’estetica del “diverso” nel corpo femminile grazie a una religiosità sorretta da una pietas profonda per i soggetti che fotografa. Joel Peter Witkin è uno dei massimi fotografi viventi. La sua opera si ispira alle atmosfere dei primi dagherrotipi ed è influenzata da numerosi referenti pittorici, tanto che spesso le sue fotografie sono delle “rivisitazioni” di opere celebri della storia dell’arte. L’artista ha sempre sottolineato la componente mistica delle sue opere, alcune fra le più allucinate e toccanti allegorie della caducità umana. http://en.wikipedia.org/wiki/Joel-Peter_Witkin



LUOGHI E DATE - ESTATE 2010
- Giardino di Boboli, Limonaia, Via Romana Giugno 17 giovedì ore 21,30
- Brac, libreria di Arte Contemporanea, Via dei Vagellai 15 Giugno 18 venerdì ore 21,30
- La Barbagianna: una casa per l’arte contemporanea, Pontassieve Settembre 11 sabato ore 21,30
- S.A.C.I., Via di Sant’Egidio (data da definire)
- Pitti Vintage, Sdrucciolo del Pitti (data da definire)




REFERENTE PER IL PROGETTO
Alessandra Borsetti Venier
055 6811728 – 335 6676218 info@morganaedizioni.it



Il gruppo di lavoro è composto da “Cerimonie Crudeli” costituito da Alessandra Borsetti Venier, Giusy Merli, Giada Primavera e Liliana Ugolini, e inoltre da: Alessandra Jane, Martina Nastasi, Claudio Notarstefano, Gabriele Termine, Gianluca Venier.



Alessandra Borsetti Venier curatrice: artista multimediale dalla fine degli anni Sessanta. Dal 1977 al 1995 ha prodotto mostre ed eventi con la sigla Borsetti&Fabre. Nel 1985 ha fondato Morgana Edizioni. Nel 1992 ha aperto “La Barbagianna: una Casa per l’Arte Contemporanea” dove, ogni anno, cura la Rassegna internazionale “Incontri Multimediali”. Nel 2006-’07 ha curato “Artemobile” 2 mostre gemellaggio tra Firenze e Kassel.
Giusi Merli attrice. Laureata in lingue e letterature straniere all’Università di Pisa. Si occupa di teatro dal 1977. Ha lavorato in Italia e all’estero con vari registi fra cui Aldo Rostagno, John Jesurum, Paolo Pierazzini, Dario Marconcini, Angelo Savelli e con vari gruppi: teatro Mascarà, T.P.O. di Prato, Pupi e Fresedde, Atelier della Costa Ovest. Deve la sua formazione artistica a Marisa Fabbri e al regista russo-americano Yury Olshansky.
Giada Primavera (1976) attrice e scrittrice. Laureata in Legge, è scrittrice e giornalista di arte e design (Vogue Italia, Artedossier, Flashart, MarieClaire Maison…). Si inserisce nel gruppo letterario fiorentino “Stanzevolute” con il quale pubblica e inizia il percorso scrittorio-performativo, corroborato da seminari coreografici e teatrali. Collabora con Liliana Ugolini nel “Teatro d’appartamento” e in case e studi d’artista.
Liliana Ugolini autrice dei testi: ha pubblicato 12 libri di poesia, 2 in prosa e 1 di teatro, da cui sono stati tratti 6 spettacoli teatrali. Per il Comune di Firenze, cura da 18 anni per “Pianeta Poesia” con Franco Manescalchi la poesia performativa multimediale e la scrittura in scena. Sul suo lavoro è uscita nel 2005 una monografia/antologica di Sandro Gros-Pietro nelle edizioni Genesi “Liliana Ugolini poesia teatro e raffigurazione del mondo”.

Alessandra Jane autrice degli abiti-scultura. Laureata in Fashion and Textile Design a Londra, ha collaborato con Lietta e Roberto Cavalli, Francis Cott per Jean Paul Gaultier, Braccialini, Gerard, Liberty e altri, lavorando tra Firenze, New York, Londra e Dubai. La sua cifra stilistica è basata su una ricerca di forme e asimmetrie, scelte da Revlon per l’ultimo calendario , un anthologia da Poncif venue e alla Versiliana con una installazione delle sue opere.
Martina Nastasi (1978) l’ufficio stampa e segreteria organizzativa. Laureata e specializzata in Storia dell’arte presso l’Università di Pisa, ha partecipato all’organizzazione della mostra “ArteMobile. Dalla pietra al chip”, a cura di Alessandra Borsetti Venier, Harald Kimpel, Sabine Stange, tenutasi a Firenze nella Sala d’Arme di Palazzo Vecchio nel 2007. Fra le sua pubblicazioni: Una pittrice di fine Ottocento. Maria Grandinetti Mancuso, «Fuori Quadro», a. IV, n. 2, aprile-giugno 2008.
Claudio Notarstefano tecnico del suono. Dal 1998 è responsabile tecnico della "Compagnia delle Arti di Romena" con cui ha collaborato in occasione degli incontri di Erri De Luca, Alda Merini, Vittorino Andreoli, Lella Costa, ecc. Inoltre ha realizzato luci, audio e proiezioni per vari incontri-intervista tematici con esponenti della cultura e della politica, e nel 2008, al Teatro Puccini di Firenze, la serata commemorativa per Fabrizio De Andrè.
Gabriele Termine light designer per produzioni teatrali, musical e danza (tourné 2007-08 di Raffaele Paganini). Tecnico luci e fotografo per Compagnie teatrali e di danza, realizza montaggi di spettacoli, allestimenti (impresa artigiana Luce Attiva) e anche installazioni video. In questo progetto ha partecipato alla realizzazione della video-installazione “Omaggio a Joel Peter Witkin”.
Gianluca Venier musicista e compositore. Ha collaborato con gruppi musicali e fa parte dei Litfiba. Dal 1990 ha realizzato colonne sonore per video, spettacoli teatrali, coreografie e performance tra le quali: per la Provincia di Firenze musiche della mostra “Teatro Spettacolo nella Firenze dei Medici”; dvd mostra “Il Cristo del Mantegna e oltre” di Borsetti&Fabre; colonna sonora mostra “Natale Borsetti: la mia Resistenza non armata”. In questo progetto ha partecipato alla realizzazione della video-installazione “Omaggio a Joel Peter Witkin”.